Questi stati sarebbe farsi male più di Briscola guerra commerciale

0
49

Jeff Kowalsky | Bloomberg | Getty Images
Ai dipendenti di installare batterie elettriche su una Ford Motor Co. C-MAX Energi plug-in veicolo ibrido sulla linea di produzione presso l’azienda di impianto di assemblaggio a Wayne, nel Michigan.

Il presidente Donald Trump non ha perso tempo lunedì andare avanti nella sua campagna elettorale la promessa di rinegoziare quasi un quarto di secolo-vecchio accordo di libero scambio con il Canada e il Messico — una mossa che potrebbe finire male, lavoratori negli stati fortemente sostenuti lui.

Trump è in procinto di firmare un ordine esecutivo che già lunedì affermando la sua intenzione di rinegoziare l’Accordo nordamericano di Libero Scambio con il Canada e il Messico, un funzionario della Casa Bianca ha detto NBC News.

Avviata dall’ex Presidente George H. W. Bush e firmato dall’ex Presidente Bill Clinton nel 1994, il NAFTA ha contribuito a incrementare le esportazioni degli stati UNITI verso il Canada e il Messico, la nazione, i due maggiori partner commerciali.

Trump, che ha incolpato l’accordo per la distruzione di posti di lavoro Americani, lo ha definito “uno dei peggiori tratta sempre” durante il mese di ottobre dibattito con Hillary Clinton.

Ma molti analisti attenzione che ponendo restrizioni più severe in materia di commercio con il Canada e il Messico potrebbe lasciare ancora di più i lavoratori senza lavoro.

“Una rinegoziazione dell’Accordo nordamericano di Libero Scambio potrebbe avere un impatto negativo del Midwest produzione membri, che si girò per Trump nel 2016”, secondo Gregorio Daco, economista presso l’Oxford Economics.

Tra i paesi le cui economie si basano più pesantemente sul commercio con il Canada e il Messico, la top five — Michigan, Texas, North Dakota, Kentucky e Indiana — tutto è andato per tromba le elezioni di novembre.

“Se Trump rinegozia NAFTA, come egli ha detto che avrebbe, attività in questi stati sarebbe probabilmente venuto sotto pressione”, ha detto Daco.

Altri stati che vorresti sentire l’impatto di un’esportazione rallentamento includono stati del Sud come il South Carolina e Alabama, che hanno visto una ripresa degli investimenti produttivi negli ultimi anni.

Diverse case automobilistiche sono già stati oggetto di Trump commercio ire per i piani per aumentare la produzione in Messico.

Ma il ritiro dal NAFTA avrebbe un costo per le auto degli stati UNITI la produzione di un circa 31.000 posti di lavoro, secondo il Center for Automotive Research.

Il funzionario della Casa Bianca anche detto a NBC News che Trump è anche in procinto di firmare un ordine esecutivo che annuncia i piani per tirare fuori il Trans-Pacific Partnership, un accordo commerciale tra i 12 paesi del Pacifico negoziati dall’amministrazione Obama, ma non ratificato dal Congresso.

Limitare il commercio con questi paesi avrebbe colpito West Coast stati i più difficili, perché si affidano più pesantemente sul commercio con l’Asia.

Resta da vedere se la tromba amministrazione è in grado di negoziare condizioni più favorevoli con partner commerciali, senza rallentare il flusso transfrontaliero di beni e servizi.

“È possibile che questi due paesi [Canada e Messico] offrire concessioni, non a differenza del Giappone risposta pragmatica al protezionistiche degli stati UNITI spingere nel 1980,” ha detto Paul Ashworth, chief US economist di Capital Economics. “Ma se non, il protezionismo potrebbe innescare un forte dollaro, ritorsione da parte di altri paesi e maggiore inflazione interna.”

I Repubblicani del congresso hanno anche proposto una revisione del codice fiscale che penalizzerebbe le imprese tassando i beni e materie prime di importazione, mentre esenzione dalle imposte sui ricavi da esportazioni.

La cosiddetta tassa di frontiera di regolazione è destinato a incoraggiare le aziende degli stati UNITI per le proprie merci da fornitori Americani.

Ma non è chiaro se la tromba amministrazione sostiene l’idea. In un’intervista con Il Wall Street Journal la settimana scorsa, Trump ha criticato il piano come “troppo complicata”.